Obbligazioni

premere sul pulsante rosso per aprire i fogli           

Descrizione immagine
Descrizione immagine

In questi fogli ci sono: isin , denominazione titolo,  prezzo ultimo alla data indicata, rendimenti lordo e netto e altri parametri nelle relative colonne

Descrizione immagine
Descrizione immagine

Come scegliere le obbligazioni

  17/09/2015

    In questi giorni si parla molto di aumento dei tassi d'interesse:  cè aspettativa di un aumento dei tassi  in usa ma ovviamente tutto il mondo ne è coinvolto perchè, prima o poi, seguirà le mosse della FED americana.


    In generale un  investitore prudente si orienterà su titoli a tasso variabile in quanto queste obbligazioni tendono ad avere oscillazioni dei prezzi contenute, mentre i titoli a tasso fisso possono avere movimenti di prezzo anche elevati.


   Si sottoscrivono obbligazioni a tasso fisso se si punta a speculare sui movimenti delle variabili di mercato, come i tassi d'interesse.

   Se i tassi d'interesse sono attesi in rialzo si punta ad obbligazioni a tasso varibile in quanto le loro cedole aumenteranno con l'aumentare dei tassi. 

Descrizione immagine

  Le obbligazioni a tasso fisso sono invece da preferire se i tassi d'interesse sono attesi in discesa  perchè il loro prezzo aumenterà : saranno le preferite dal mercato rispetto ai titoli di nuova emissione con cedole piu' basse.

Descrizione immagine

 Importante da considerare è anche la scadenza temporale dell'obbligazione considerando che la variazione del prezzo puo' essere tanto maggiore quanto più è lontana nel tempo la scadenza.

   Da tener presente è anche che, per una data variazione dei tassi, la variazione percentuale che il prezzo del titolo subisce è tanto maggiore quanto più è piccola la cedola.
In sintesi :

       con aspettative di ribasso dei tassi è preferibile acquistare titoli lunghi con cedola piccola
       con aspettative di rialzo dei tassi è preferibile acquistare titoli corti con cedola grande.


   Molto importante è anche la scelta dell'emittente l'obbligazione e cioè  il grado di rischio che l'investitore è disposto ad assumere.

  Gli Stati sono fra i debitori più sicuri, ma questo non vuol dire che tutti i titoli di Stato siano sicuri; il grado di rischio puo' differire molto tra un Paese e l'altro.

   Per confrontare il grado di rischio associato ai diversi Paesi si può utilizzare il rapporto debito/Pil ; maggiore è questo rapporto maggiore è il rischio.


E' anche opportuno accertarsi delle commissioni applicate dalla banca con cui si acquista; l'impatto delle commissioni inciderà di piu' sul rendimento delle obbligazioni con scadenza breve.